Seguici in rete

facebook twitter flickr

youtube editori laterza

Newsletter

newsletter

Anticipazioni, recensioni,

novità, le convenzioni della

Carta Fedeltà: tutte le

notizie dal mondo dei libri e

dalla Libreria Laterza nella tua email.

Iscriviti ora!

Libreria Laterza

La Libreria: cenni storici

La Libreria Laterza, una delle più antiche d’Italia con oltre 110 anni di vita, nel corso della sua lunga storia ha ospitato le personalità più importanti della vita culturale e politica del Paese.


Dalla sua sede sono passati intellettuali e politici a partire dal gruppo di antifascisti che si radunò intorno a Benedetto Croce, sino ad arrivare ai Presidenti Giorgio Napolitano e Carlo Azeglio Ciampi, a Pier Paolo Pasolini, Carmelo Bene, Eduardo De Filippo, Renato Guttuso, Dario Fo, solo alcuni dei nomi più prestigiosi.



defilippo


La Libreria Laterza viene aperta da Giovanni Laterza nel 1896. E' uno spazio ridotto in cui Giovanni lavora insieme alla moglie Agostina. La sua nascita precede di qualche anno quella della Casa editrice che viene fondata nel 1901.

Nel 1923 la libreria si trasferisce in locali più ampi: a dirigere c’è sempre Giovanni, impegnato però anche nell’attività editoriale. E' lui infatti, il principale artefice dello sviluppo della Casa Editrice Laterza e del fortunato incontro con Benedetto Croce.


libreria


Nel 1930 a Giovanni subentra in Libreria il figlio maggiore Nino. Nel 1939 Nino diventa direttore: in questi anni la Libreria diventa luogo d’incontro per tutti gli intellettuali baresi che non si riconoscono nel regime fascista.


Nel dopoguerra la Libreria consolida il suo ruolo di centro culturale di Bari e si espande.


Il 4 maggio 1963 viene inaugurata la nuova sede di via Sparano, nel centro della città, che, negli anni successivi, diventerà luogo di numerosi incontri con autori e personalità del mondo della cultura e il punto di riferimento abituale per i giovani più curiosi e impegnati.


Il 19 giugno del 1992 la Libreria, mantenendo la stessa dislocazione nel centro della città, si amplia sviluppando accanto ai tradizionali settori di narrativa e saggistica quelli dello scolastico, tecnico-professionale, tascabili, di libri per bambini e ragazzi e multimediale: un assortimento che ne fa una delle più ricche librerie d’Italia.


Nel 2006 la libreria cambia immagine con un allestimento  fortemente innovativo affidato a quattro allievi di Alfredo Lambertucci (che negli anni ‘60 progettò il palazzo dove ha sede la libreria): Domenica Loperfido Balestrazzi, Federico Bilò, Alessandro Ciarpella e  Francesco Orofino.



napolitano

Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano visita la Libreria Laterza a Bari, 14 settembre 2006


Nel 2012 il piu’ recente cambiamento, la libreria Laterza ritorna al suo storico ingresso in via Dante creando un nuovo ambiente caldo ed accogliente progettato dall’architetto Paolo Maffiola.


La Libreria Laterza come appare oggi.


La Laterza con la sua lunga storia di libreria indipendente continua ad essere da oltre un secolo punto di riferimento culturale costante continuando giorno per giorno la sua instancabile attività di promozione del libro e della lettura.


a Libreria Laterza, una delle più antiche d’Italia con i suoi 110 anni, nel corso della sua lunga storia ha ospitato le personalità più importanti della vita culturale e politi- ca del Paese. Dalla sua sede sono passati intellettuali e politici a partire dal gruppo di antifascisti che si radunò intorno a Be- nedetto Croce, ai Presidenti Giorgio Napolitano e Carlo Azeglio Ciampi per ar- rivare a Pier Paolo Pasolini, Carmelo Bene, Eduardo De Filippo, Renato Guttuso, Dario Fo, solo alcuni dei nomi più prestigiosi.

La Libreria Laterza viene aperta da Giovanni nel 1896 è uno spazio ridotto in cui lavo- ra insieme alla moglie Agostina, la sua na- scita precede di qualche anno quella della Casa editrice che viene fondata nel 1901. Nel 1923 la libreria si trasferisce in locali più ampi: i commessi ora sono due, più un fattorino e a dirigere c’è sempre Giovanni, impegnato però anche nell’attività editoria- le, è lui infatti, il principale artefice dello svi- luppo della Casa Editrice Laterza e del for- tunato incontro con Benedetto Croce.

Nel 1930 a Giovanni subentra il figlio mag- giore Nino, che era stato mandato in Germania per apprendere il mestiere. Nel 1939 Nino diventerà direttore, in questi an- ni la libreria diventa luogo d’incontro per

tutti gli intellettuali baresi che non si rico- noscono nel regime fascista e che spesso nei suoi locali incontrano Benedetto Croce in visita a Bari o altre personalità dell’op- posizione antifascista. Nel dopoguerra la Libreria consolida il suo ruolo di centro cul- turale di Bari e si espande. Il 4 maggio 1963 viene inaugurata la nuova sede di via Sparano, nel centro della città, che, negli an- ni successivi, diventa luogo di numerosi in- contri con autori e personalità del mondo della cultura e riferimento abituale per i gio- vani più curiosi e impegnati. Il 19 giugno del 1992 la Libreria, mantenendo la stessa dis- locazione nel centro della città, si amplia svi- luppando accanto ai tradizionali settori di narrativa e saggistica quelli di scolastica, tec- nica-professionale, tascabili, di libri per bam- bini e ragazzi e multimediale, un assorti- mento che ne fa una delle più ricche libre- rie d’Italia. Nel 2006 affronta una nuova ri- strutturazione e il 2 settembre riapre i bat- tenti dopo tre mesi di lavori che ne hanno profondamente rinnovato l’aspetto. La ri- strutturazione è stata affidata a quattro al- lievi di Alfredo Lambertucci (che negli an- ni ‘60 progettò il palazzo dove ha sede la libreria) Domenica Loperfido Balestrazzi, Federico Bilò, Alessandro Ciarpella e

Francesco Orofino (questi ultimi tre asso- ciati dello Studio GAP di Roma), autori di un allestimento innovativo fondato su due parole chiave: leggerezza e trasparenza. Il cliente viene accolto in un ambiente pro- gettato intorno a lui: ampi spazi sono de- dicati alla sosta in libreria, con sedute dislo- cate in tutte le stanze. Gli scaffali sono in metallo, leggeri e sospesi dall’alto; le vetri- ne permettono uno scambio continuo con l’esterno, l’intera libreria è visibile dall’ester- no. È stato realizzato un ampio soppalco dove la libreria si trasforma in salotto, con caffetteria e un internet point. Molto cura- to il settore dedicato ai bambini con scaf- fali a misura e un apposito spazio dove ac- comodarsi a leggere, colorare ed esercita- re la fantasia con il gioco del teatro. Particolarmente innovativa la realizzazione di un solaio a scomparsa: schiacciando un bottone si alza un piano mobile, svelando una sala conferenze dotata di oltre cinquan- ta posti: una vera e propriamacchina ‘leo-

nardesca’ che consente di accogliere i tan-

ti incontri con l’autore che da sempre la li- breria ospita. Nonostante le profonde tra- sformazioni, la libreria continua ad affidare, come da tradizione, il suo fascino e le sua atmosfera soprattutto ai libri. A cominci

Orari di apertura

dal lunedì al venerdì

9,15  -  20,30

 

sabato

9,15-13,15  16,30-20,30

 

Chiusura domenica e festivi

Guarda gli interni

Guarda gli interni


Carta Fedeltà

carta fedeltàLa Carta con l'accento è il regalo che la Libreria Laterza intende fare ai suoi clienti più fedeli. Richiedila in Libreria e avrai diritto a vantaggi e sconti esclusivi.